Blog

La Camera di Commercio di Asti finanzia le Startup

Aperto nuovo Bando della Camera di Commercio di Asti

Startup è ormai di moda. Tutti vogliono aiutare le startup, è così smart, chic, e fa tanto innovazione.

LogoCam_Com_Asti

Così la Camera di Commercio di Asti ci prova anche lei.

Dopo aver racimolato una sessantina di migliaia di Euro si propone di finanziare l’avvio di nuove imprese con un contributo a fondo perduto di 5.000,00 Euro massimo.

Inoltre con un monte capitale di  46.400,00 Euro finanzia fino a  700,00  Euro in conto capitale per le spese finalizzate all’utilizzo di servizi ICT, come ad esempio le connessioni veloci…

Auguro a tutti gli startupper astigiani di non averne bisogno, viceversa, qui di seguito allego il link alla pagina dei bandi.

 

Per l’Unione Europea il turismo è d’oro, ma non troppo! Ecco il nuovo bando COSME per il turismo.

Il sedici giugno è partito il bando COSME per lo sviluppo del turismo culturale legato ai distretti orafi alla produzione di cioccolato e la profumeria.

Da sempre nutro grande invidia per gli ideatori della nomenclatura delle Call for ProposalBando europeo Cosme europee: Cultural Routes and Luxury Goods, ne è uno dei migliori esempi.

Ma al netto dell’ironia, la call COS-WP2014-3-15.02 è veramente molto ambiziosa: massimizzare le sinergie tra il turismo e le industrie creative dell’oreficeria, del cioccolato e della profumeria.

Gli obiettivi specifici:

  • facilitare gli scambi di buone pratiche, lo sviluppo di reti e di piattaforme di discussione tra decisori pubblici e il settore privato, in settori del turismo culturale e industriale;
  • facilitare e stimolare i partenariati pubblico-privato e l’integrazione di imprese del settore del turismo culturale nelle strategie di sviluppo regionale;
  • migliorare la qualità dell’offerta turistica europea attraverso un rafforzamento della cooperazione transfrontaliera e/o
  • rafforzare le capacità di gestione di enti pubblici o privati ​​incaricati dello sviluppo di prodotti turistici tematici.

Il bando europeo prevede partnership con almeno cinque entità legali di almeno cinque nazioni, ma le risorse sono davvero risicatissime: 400.000,00 Euro di budget per un cofinanziamento del 75%.

 

Non capisco davvero come possa essere utile una quantità di risorse così risicata, anche se in fase pilota; in linea di principio l’idea di creare una efficace rete di operatori dei suddetti settori è molto interessante, ma tanti obiettivi potranno essere mai raggiunti da tanti partner con così poche risorse?

Questo è il bando, sarei felice di conoscere la vostra opinione in merito.

In vigore il Decreto competitività per le imprese e per l’agricoltura

Fondi Ue, 16 miliardi non spesi: Italia rischia di perderli

Un altro regalo a chi è più sveglio di noi.
I fondi inutilizzati saranno usati per finanziare altre Call for Proposal!

Marco Luigi Cimminella

bruxelles-bandiereStrade, ferrovie, centri di ricerca e ristoranti. Ospedali, scuole, complessi commerciali e poli per le biotecnologie. Sono alcuni dei progetti che i Paesi dell’Unione hanno realizzato con i fondi strutturali europei. Risorse che Bruxelles mette a disposizione degli Stati membri, per promuovere lo sviluppo territoriale. Un ricco salvadanaio, dal quale alcuni Stati del continente non attingono. E l’Italia è uno di questi.

Tra i fondi di coesione e di sviluppo regionale, Bruxelles ha predisposto nel periodo 2007-2013 circa 278 miliardi di euro. Una somma notevole, un terzo dell’intero budget dell’Unione europea. Al nostro Paese ne sono toccati circa 30 miliardi. In questi sette anni, il governo di Roma e gli enti regionali della Penisola sono riusciti a spenderne poco più della metà: una somma pari a 17,3 miliardi di euro. Il resto del “tesoretto”, pari a poco più di 16 miliardi, rimane inutilizzato: e…

View original post 825 altre parole

È online il mio corso di europrogettazione

Anche quest’anno è online il mio corso di europrogettazione di base!

Lo stavate aspettando con ansia eh? Beh l’attesa paga! 🙂Corso_Europrogettazione_Base_Unicopernico

Su Unicopernico è possibile fin da ora prenotarsi al mio corso FAD: Corso di Europrogettazione base, dedicato a chi desidera avvicinarsi per la prima volta al tema dell’europrogettazione.

Il corso dura 18 ore e offre una panoramica su cosa sia l’europrogettazione e sui principali programmi di sovvenzione attivati dall’Unione Europea, ha un taglio molto pratico, in modo da fornire a tutti la cassetta degli attrezzi dell’europrogettista, oltre a fornire spunti sull’analisi e sulla presentazione dei bandi europei.

Fatemi sapere cosa ne pensate, e se vi dovesse piacere, condividete!

 

Vi sentiti cittadini d’Europa? Ecco il nuovo bando “Europe For Citizens”!

Scadono il primo settembre, i progetti di gemellaggio di città, di reti di città e i progetti della società civile gestiti da EACEA.

logo_programma_europa_per_i_cittadiniSecondo round dei bandi EACEA

Europe for Citizens, entro il primo settembre dovranno essere consegnate le proposte per
questi assi

Strand 2 – Misura 1: City Twinnings – Città gemellate
Aperto a città/comuni o i loro comitati di gemellaggio o altre organizzazioni non-profit che rappresentano le
autorità locali. La scadenza è al 01 settembre 2014, per progetti aventi inizio tra il 1° settembre e il 31 dicembre 2015.

Strand 2 – Misura 2: Reti di città
Possono presentare i progetti le europa_per_cittadini_strandscittà/comuni o loro comitati o reti di gemellaggio; altre autorità locali o regionali regionali; le federazioni o le associazioni di autorità locali Possono partecipare, comei partner le organizzazioni non-profit . La scadenza è al 01 settembre 2014 per progetti da avviarsi tra il 1° giugno e il 31 dicembre 2015

Strand 2 – Misura 3: Progetti della società civile
organizzazioni non-profit,  organizzazioni della società civile, scuole, istituzioni culturali o di ricerca. In questi progetti possono partecipare in qualità di partner autorità locali/regionali o organizzazioni non-profit. La scadenza è al 01 settembre 2014, per progetti da avviarsi  tra il 1° settembre 2014 e il 31 gennaio 2015

Come sempre questo è il link per tutte le notizie ufficiali

Marche, al via gli incentivi per le piccole imprese commerciali.

Tutte le news ora on-line

Il 12 giugno nelle Marche si è aperto il secondo bando della legge 27/09 che concede incentivi alle piccole imprese commerciali in sede fissa del settore non alimentare.

Il bando resterà aperto fino al 31 luglio.

Sono ammessi ad agevolazione gli interventi, anche già realizzati dal 1° Luglio  2013, relativi a:

  • Ristrutturazione, manutenzione straordinaria nonché ampliamento dei locali adibiti o da adibire ad attività commerciale;
  • Arredi, attrezzature fisse e mobili, elettroniche ed informatiche (hardware e software) strettamente funzionali all’attività;
  • Acquisto merci inerenti l’attività di vendita dell’esercizio commerciale per un valore massimo pari a 40.000 euro.

L’agevolazione concessa è un contributo in conto capitale pari al 15% della spesa ammissibile.
L’importo massimo del programma di investimenti è di 50 mila impresa.

Fino al 30 giugno si possono presentare le domande relative al primo bando della legge 27/09che si era aperto lo scorso 29 maggio.

È possibile…

View original post 67 altre parole